Come deve essere l'Ambiente in cui vive una persona che soffre di Alzheimer e di demenza - Villaggio Amico

Chi soffre di Alzheimer e di demenza ha bisogno di vivere in uno spazio in grado di aiutarlo a vivere questa condizione debilitante e parlare di spazio per una persona che soffre di questa patologia, non significa solo parlare di spazio fisico, ma anche di spazio emotivo.

Infatti, un ambiente esprime sempre una doppia valenza, la valenza domestica e quella relazionale.

Perciò, una persona che soffre di alzheimer o di altre tipologie di demenza ha bisogno di uno spazio in grado non solo di garantirne la sicurezza ma anche, per quanto possibile in una situazione del genere, la socializzazione e la libertà di movimento.

Chi soffre d’alzheimer infatti presenta problemi di tipo cognitivo e difficoltà a livello sensoriale come per esempio una percezione minore della luce e dei contrasti, un campo visivo sia limitato che asimmetrico, oltre ad una percezione alterata del movimento, dei rapporti spaziali ed infine della profondità.

Tutto questo produce stress nella persona anziana affetta da queste condizioni a cui si aggiungono spesso sintomi come le allucinazioni.

Per questo motivo, uno spazio adatto é quello che, oltre ad esser ben illuminato, limita l’eccesso d’informazioni, evita la confusione ed i rumori di fondo ed infine rende facile capire in quale zone ti trovi come ad esempio il bagno.

Altri elementi importanti sono l’eliminazione degli specchi perché una persona affetta da alzheimer può non riconoscere la propria immagine, l’eliminazione dei tappetti su cui si può cadere, ed in generale l’utilizzo di oggetti di cui non si possa comprendere il contrasto, come ad esempio un piatto bianco su di una tovaglia dello stesso colore.

A questo si aggiunge sempre naturalmente la massima comprensione, il rispetto e l’aiuto per chi vive questa condizione difficile.