L’Alzheimer e le demenze rappresentano delle patologie degenerative in grado di interferire nella vita quotidiana di una persona limitandone la memoria e le principali abilità intellettive.

Queste patologie producono nella persona che ne è affetta tre specifici sintomi a livello psicologico, mentale e comportamentale.

Il primo tipo sono le allucinazioni o misidentificazioni.

In questo caso, la persona interpreta male i dati di partenza e quindi, a causa della malattia, si crea delle convinzioni false che hanno la capacità di contribuire a generare stress e paure.

La persona ad esempio, spesso non riconosce la sua immagine, può ritenere che qualcuno a lui ignoto possa vagare per la sua casa, o che le persone a cui vuol bene siano state sostituite da degli impostori.

Il secondo tipo sono i deliri in cui la persona si crea delle false credenze sulla realtà anche se la realtà fattuale evidenzia esattamente il contrario.

Il terzo tipo di problematiche infine, riguarda la psicosi che è una delle maggiori cause che richiedono un aiuto esterno perché la famiglia fa molta fatica a gestire le conseguenze di questa situazione cronica e dei disturbi comportamentali che ne derivano.

Da questo punto di vista, il comportamento da adottare con una persona affetta da alzheimer o un’altra tipologia di demenza è quello della rassicurazione.

È importante cercare un contatto delicato e positivo mostrando calma, sorridendo, chiamando spesso per nome la persona e non sottolineando mai le mancanze e gli errori a cui purtroppo è soggetto inconsapevolmente.

Con una persona affetta da demenza e Alzheimer dobbiamo parlare lentamente, con la massima semplicità, guardandolo negli occhi e scandendo le parole in modo che ne comprenda il significato.

Le parole dette in serenità infondono sicurezza e permettono alla persona di riconoscervi il più possibile.

Purtroppo spiegare razionalmente quello che sta succedendo a chi ne è affetto, soprattutto nelle fasi avanzate, non ha effetto, ma mostrare la propria tenerezza ed empatia accoglie lo stress e lenisce il più possibile la sofferenza.

Da questo punto di vista, il Villaggio della Memoria, il Centro Alzheimer di Villaggio Amico, ti può aiutare a prenderti cura del tuo familiare.

È un nucleo protetto che si trova all’interno della RSA Villaggio Amico, ed ospita persone affette da demenza in un ambiente sicuro e pensato per assistere le persone colpite da Alzheimer e demenze restituendo serenità alle famiglie.

Può ospitare fino a 40 persone divise in due nuclei da 20 posti l’uno, ed è progettato per restituire alla persona affetta da demenza nuovi punti di riferimento e la possibilità di trovare uno spazio su misura per sé in un luogo accogliente e familiare.

Alle cure mediche e psicologiche del personale specializzato, il Villaggio della Memoria aggiunge un’ambientazione creata per donare serenità ed armonia all’ospite con corridoi densi di immagini di ambienti naturali, viali alberati e case di paese dove il tuo familiare sente di poter camminare tranquillo.

Il Villaggio della Memoria si trova in Via Stazione 5 a Gerenzano all’interno dell’RSA Villaggio Amico.

Per maggiori informazioni chiama il numero 02 96489496 oppure invia una mail ad info@villaggioamico.it per fissare un appuntamento con i nostri Specialisti che sapranno presentarti il Centro e rispondere a tutte le tue domande.